lunedì 16 marzo 2015

mi serve sapere cose sulla gonna arricciata!

La verità è che io gli ultimi due post sulle gonne li ho scritti oltre che per riassettarmi un po' le idee, e devo dire di aver capito matematicamente più cose, soprattutto per capire come fare per bene una gonna arricciata. Una gonna elegante e soffice da ricavare da un tessuto costato ben 35 euro, e non è seta grrr!, senza fare il minimo errore e quindi senza dover scucire e piangere sul latte versato.

Ho comprato sabato questo rettangolo di ottimo poliestere, "mica nylon qualunque signora!", che io odio perchè si appiccica, ( e si elettrizza anche questo da 22euro al metro! doppio grrrr!), e l'ho diviso in due, tagliando lungo il drittofilo, ho fatto male?

In seguito all'ultimo post ho capito bene questa storia della trama e dell'ordito e ora mi vengono complessi sartoriali che prima neanche l'ombra...

Non posso assolutissimamente sbagliare con una stoffa così pregiata, non è il solito scampolo l'oro! 
Prima di procedere con la fantasia e mettere la 4° con la macchina da cucire, ho avuto l'assennatezza di riflettere.

Attualmente ho due rettangoli di chiffon di poliestere che ho arricciato in vita con il punto filza a mano. 
Non mi sembra ingrossino tanto sulla vita, che è quello che vorrei evitare avendo già la panzetta premaman.
Ma preferirei scongiurare ad ogni modo questa possibilità e quindi, dopo aver letto un post, ho deciso di dare ai due rettangoli PRIMA una forma SVASATA.

Dovrò poi dividere l'arricciatura in vita in 4/4 , cioè cucire con il punto filza ogni quarto due volte, le due cuciture parallele si dovranno distanziare di 0,3 cm.
La suddivisione in quarti serve a rendere l'arricciatura più omogenea.

I fili vanno tirati contemporaneamente, una volta terminate entrambe le filze, e le arricciature vanno fissate con gli spilli.

Non riesco a trovare nel web tanta teoria per creare un elegante gonna arricciata in chiffon. E anche il manuale di Burda lascia a desiderare.

Vediamo che riuscirò a fare.

In bocca al lupo a me!

Nessun commento:

Posta un commento